LUN-VEN 8.30/18.30 (orario continuato)
SAB 9.00/13.00 - 16.00/19.00
Domenica chiuso

Come si scrive l’Atto

HomeNegozioLibriConcorsiCome si scrive l’Atto
Come si scrive l’Atto

Esame scritto d’avvocato 2017
di Roberto Garofoli
Guida pratica e consigli operativi

Regole generali, scalette, struttura e contenuti essenziali, formule.
Gratis mini corso on-line.

Nella preparazione della prova scritta dell’esame di Avvocato un rilievo decisivo assume l’approccio all’atto giudiziario che, per tanti aspetti, si pone come più problematico rispetto alla redazione del parere motivato con il quale, tra l’altro, condivide la difficoltà connessa alla individuazione della questione di diritto (sostanziale o processuale) posta dalla traccia. Questo volume intende fornire le fondamentali coordinate di riferimento da osservare nei fatidici giorni delle prove scritte, indicando le regole da seguire per la corretta redazione degli atti giudiziari (di diritto privato, penale e amministrativo), le regole generali, le scalette, la struttura e i contenuti minimi (di ciascuno di essi), alla luce delle recentissime riforme legislative – è il caso, ad es., della L. 8 marzo 2017, n. 24 che, entrata in vigore il 1° aprile 2017, ha introdotto l’art. 590-sex/es c.p. (Responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario) e del D.Lgs. 19 gennaio 2017, n. 6 (modificazioni ed integrazioni normative in materia penale per il necessario coordinamento con la disciplina delle unioni civili) – e giurisprudenziali (v., ex multis, la sentenza 25 gennaio 2017, n. 1946 con la quale la Corte di Cassazione, a Sezioni Unite, ha chiarito finalmente la portata della sentenza della Corte costituzionale n. 278 del 2013 in tema di parto anonimo). Di estrema utilità sono i consigli pratici in ordine alla organizzazione dell’attività di studiò e di redazione dell’atto giudiziario in sede di esame (che riguardano anche lo stile e le modalità di esposizione). Particolare attenzione è stata prestata nella indicazione delle diverse formule assolutorie che devono essere utilizzate dal candidato in sede di conclusioni dell’atto di penale onde evitare di ricorrere alla frase stereotipata (utilizzabile, comunque, in caso di difficoltà estrema) “…assolvere l’imputato con la formula che sarà ritenuta di giustizia”, compresa la nuova formula da impiegare in caso di fatti di particolare tenuità (art. 131-b/s c.p.). La finalità squisitamente didattica perseguita del libro è attestata, peraltro, dal rilievo dato (tramite un sapiente ricorso al grassetto), a parole chiave o a frasi meritevoli di memorizzazione e dal far precedere le regole fondamentali (dal cui rispetto deriva il buon esito della prova d’esame) dalla parola “Attenzione” o “Importante” così da essere certi che non sfugga nulla anche al lettore più disattento.

Aut. V. de Gioia, S. Grassi

Ed. Nel Diritto Editore, Scuola dell’Avvocatura 2017

ISBN. 9788832700015

€ 25,00

Related Posts

Tel. 030 8775291 - Cell. 393 7425974
Via San Faustino 64/B - 25122 Brescia